?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Un'arma in casa
The House Gun
Nadine Gordimer 
blank
Romanzo, Sudafrica 1998
270 pp.
Prezzo di copertina Lit. 32000
Traduzione: Grazia Gatti
Editore: Feltrinelli , 1998
ISBN






naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Una doppia vita

Ispirato ad un fatto di cronaca, "L'intoccabile" racconta, attraverso lo stile elegante e raffinato di John Banville, la vicenda di uno storico dell'arte, professore universitario e agente segreto.

"L'intoccabile" è la storia di un gruppi di intellettuali inglesi che, durante gli anni ambigui e obliqui della guerra fredda, passarono informazioni e documenti ai servizi segreti sovietici, ovvero al KGB. Successivamente scoperti, vennero condannati al pubblico ludibrio e alla perdita di ogni privilegio acquisito nel corso degli anni. Originato da una storia di cronaca, "L'intoccabile" racconta attraverso lo stile elegante e raffinato di John Banville la vicenda di Victor Maskell, storico dell'arte, professore universitario, curatore delle collezioni reali e, naturalmente, agente segreto. John Banville usa, fin dall'inizio, un punto di vista geniale, perché "L'intoccabile" è scritto come se fosse un memoriale dello stesso Maskell, messo a punto per difendersi dalle accuse di spionaggio, per ricostruire la storia delle sue scelte: "Mi sono seduto e mi sono messo a scrivere, come se fosse la cosa più naturale del mondo, anche se ovviamente non è così", scrive nella prima pagina e già questa frase contiene tutto quello che è il mondo doppio (o triplo, o multiplo all'infinito) di un agente segreto. In questa sorta di diario, si sviluppa quindi il complicato intreccio di rapporti, la narrazione di Londra sotto i bombardamenti nazisti (alcune delle pagine più belle del romanzo), le incursioni degli eventi storici nelle vite e viceversa. Come ha scritto Don DeLillo, "la scrittura di John Banville è cristallina", e la sua capacità di "leggere a fondo nell'animo dei personaggi" gli offre la possibilità di costruire un romanzo che nello stesso tempo è una clamorosa spy story, ma anche una sottile disamina della doppiezza della vita, dell'intercalare con la storia, con il linguaggio, con le minime variazioni quotidiane. Fino ad un finale perfetto (tanto da sembrare scontato), ma che arriva con una precisione millimetrica, con una semplicità ed una naturalezza tale da illuminare tutto il romanzo, rimandando alle prime pagine quando Victor Maskell dice: "Non ho mai fatto niente in vita mia che non avesse uno scopo, di solito occulto, qualche volta perfino a me stesso". Un grande romanzo moderno.

Marco Denti  (01-07-1999)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 3.3 (40 voti)
 

Dello stesso autore
Scrivere ed essere
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom