?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Fidanzata in coma
Girlfriend In A Coma
Douglas Coupland 
blank
Romanzo, Canada 1998
278 pp.
Prezzo di copertina Lit. 29000
Traduzione: Marco Pensante Ermanno Guarneri/Shake
Editore: Feltrinelli , 1998
ISBN




Cinque ragazzi alla fine degli anni Settanta in Canada sono impegnati nei riti adolescenziali: primi approcci amorosi, party senza fine, droghe di tutti i generi. Karen fa dei sogni che sono pre-visioni del futuro finché, in una gelida notte di dicembre, va in coma. E così rimarrà per vent'anni, cioè fino agli anni Novanta quando ormai l'innocenza è svanita, la spensieratezza si è persa le illusioni e i piaceri. Gli amici rimasti si muovono tra alcolismo, droghe, tentativi di tagliare i ponti con il passato, yuppismo, ritrovandosi al punto di partenza senza aver concluso nulla. Finché improvvisamente Karen si risveglia...

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Fidanzata in coma: Visioni dal futuro

Esce "Fidanzata in coma", nuovo romanzo di Douglas Coupland: la storia di cinque adolescenti alla fine degli anni settanta e l'avvenire che incombe su di loro.

Tentato ancora una volta di capire i come e i perché delle evoluzioni del tempo e delle generazioni nel tempo, Douglas Coupland si perde in una versione apocalittica e insieme claustrofobica di "Generazione X", il romanzo che l'ha rivelato. Se la prima parte di "Fidanzata in coma" (a proposito: "Girlfriend In A Coma" era anche il titolo di una canzone degli Smiths) è anche attraente per il suo alternarsi di flashback e inquadrature ravvicinate che cercano di dimostrare che "il destino è quello a cui lavoriamo", nella seconda parte Douglas Coupland si perde a raccontare una fine del mondo che trova il gruppo di amici (e parenti) protagonisti del romanzo pronti a cambiare vita. Forse un po' tardi, ma non è questo il punto: se in "Microservi", Douglas Coupland aveva smesso i panni giovanilisti (che rendevano forzature di "Generazione X" sia "La vita dopo Dio", sia "Generazione Shampoo") scovando un tono vagamente neoralista ma avvincente, in "Fidanzata in coma" sembra essere tornato al punto di partenza come se l'enfasi dell'adolescenza non si fosse ancora esaurita. Anche la trama è un susseguirsi di colpi di scena che, a tutti gli effetti, mancano di un intreccio di fondo e se c'è un certo ritmo e qualche battuta teatrale ("Al punto in cui ero, l'unico mio desiderio era cambiare minimo del cento per cento") non è detto che bastino a convincerci nella natura transitoria di "Fidanzata in coma". Curiosamente, è lo stesso Douglas Coupland, per voce di uno dei protagonisti a svelare il vero problema: "Nessuno prende per vere le identità che ci siamo costruiti. A me ultimamente il mondo intero sembra un bidone, come se una volta la gente avesse un nucleo che poi ha deciso di mettere via per sostituirlo con qualcos'altro più attraente, ma anche privo di sostanza". L'impressione è che con questo romanzo, Douglas Coupland continui a guardare quel "qualcos'altro più attraente", magari con una punta d'ironia e un piglio interessante, ma pur sempre stando lontano da quel "nucleo" che forse è anche quello che conta. Nella scrittura, come nella realtà.

Marco Denti  (13-05-1999)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
 

Dello stesso autore
Memoria Polaroid
Generazione shampoo
Microservi
Eleanor Rigby
Hey Nostradamus!
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom